Tu sei qui

PTOF

Che cos'è il PTOF

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) è il documento che presenta l’insieme dei servizi offerti dalla scuola, le scelte educative, i percorsi didattici, le soluzioni organizzative e operative adottate, le procedure di valutazione dell’offerta e dei risultati ottenuti. Il primo documento da cui partire è il Rapporto di AutoValutazione  e successivi documenti. Si dovrà inoltre tenere conto dell'Atto di Indirizzo del dirigente scolastico. 

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) è il documento che presenta l’insieme dei servizi offerti dalla scuola, le scelte educative, i percorsi didattici, le soluzioni organizzative e operative adottate, le procedure di valutazione dell’offerta e dei risultati ottenuti. Il primo documento da cui partire è il Rapporto di AutoValutazione elaborato entro settembre 2015 e successivi Piani di Miglioramento. Si dovrà inoltre tenere conto dell'Atto di Indirizzo del dirigente scolastico. L'IC MATTEOTTI ha visto in questi anni i docenti impegnati a confrontarsi per condividere i principi fondamentali della progettazione educativa e formativa.  

                        ATTO DI INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER IL PTOF TRIENNALE

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

– visto l’art. 25 del D.L.vo 165/2001 e.s.i.;

– vista la circolare 13/5/2010, n. 7 della presidenza del consiglio dei ministri, dipartimento della funzione pubblica;

– visto il comma 4 dell’art. 3 del DPR 275/1999 come modificato dall’art. 1, comma 14 della L. n 107 del 13/7/2015;

-vista la Nota MIUR  0017832.16-10-2018: Il Piano triennale dell'offerta formativa (PTOF) 2019/2022e la Rendicontazione sociale

EMANA

I SEGUENTI INDIRIZZI PER LE ATTIVITA’ DELLA SCUOLA E DETERMINA LE SEGUENTI SCELTE DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE PER IL TRIENNIO  2019-2022

Nei punti che seguono sono articolati gli indirizzi e le scelte definiti dal dirigente scolastico espressamente finalizzati alla elaborazione del piano triennale dell’offerta formativa 2019-2022.

La validità dei contenuti del documento e del piano triennale dell’offerta formativa è subordinata, limitatamente alle compatibilità di organici, alla verifica da parte dell’USR PIEMONTE ai sensi dell’art. 1, comma 13 della L. 107/2015.

CONVENZIONI TERMINOLOGICHE

Ai fini del presente documento si intende:

per “legge” la legge n° 107 del 13/7/2015; della predetta legge si riportano esclusivamente  eventuali numeri progressivi dei commi senza specificazione dell’appartenenza all’art. 1;

per “decreto” il DPR 275/1999 come modificato dal comma 14 della legge;

per “indirizzi” gli indirizzi per le attività della scuola e per “scelte” le scelte di gestione e di

amministrazione, di cui al comma 4 dell’art. 3 del decreto;

per PTOF il piano triennale dell’offerta formativa ex art. 3 del decreto;

per “DPR 80” il DPR n° 80 del 28/3/2013 (autovalutazione e valutazione del sistema istruzione);

per RAV il rapporto di autovalutazione ex art. 6, comma 1 lett. a/2 del DPR 80;

per TU il testo unico ex D.L.vo 297/1994;

per “istituto” l’ I.C. G.MATTEOTTI di Rivoli

per OF l’offerta formativa d’istituto;

per DS il dirigente scolastico;

per DSGA il direttore dei servizi generali e amministrativi;

per “AA” il personale assistente amministrativo;

per “CS” il personale collaboratore scolastico.

FINALITA’ E PRINCIPI ISPIRATORI

Gli indirizzi e le scelte che seguono sono finalizzati alla elaborazione e ottimizzazione del PTOF 2019-2022 in conformità con le disposizioni normative richiamate ai successivi paragrafi.

Indirizzi e scelte si conformano anche ai criteri della trasparenza, flessibilità, semplificazione, valorizzazione delle competenze, continuità con le esperienze precedenti, attenzione alle sollecitazioni e alle istanze emergenti nell’istituto e nel suo contesto.

Ne consegue che il presente documento è un documento “aperto”, che interagisce con tutte le elaborazioni, anche non formali, prodotte dai soggetti, interni ed esterni, che concorrono allo sviluppo dell’istituto.

I   C O N T E N U T I     D E L     P. T. O. F.

INDIRIZZI RIGUARDANTI LA MISSION DI ISTITUTO (NB: richiesta dal RAV, area 3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola);

le finalità strategiche quali fattori identitari dell’impresa formativa

le coordinate di riferimento di tipo organizzativo e realizzativo

Qui si riporta, quale base non vincolante di riflessione e di lavoro, una traccia articolata in 5 ambiti:

1) sviluppo delle competenze, disciplinari e di cittadinanza, degli studenti quale criterio strategico-organizzativo generale e identitario dell’istituto; a sua volta tale ambito è articolato in quattro istanze rispetto alle quali innovare l’impresa formativa:

definizione dei “tempi” dell’insegnamento   in ragione dei tempi degli apprendimenti;

impiego innovativo degli “spazi”e delle strutture dell’istituto;

sviluppo del flusso dei contenuti dei saperi e delle esperienze didattiche in ragione dell’età e delle caratteristiche degli alunni

promozione delle competenze e dei valori sociali, civili e etici; piena consapevolezza da parte di tutto il personale della scuola di essere anche “attori emotivi”;

2) sviluppo della comunità educante mediante l’alleanza scuola-famiglia-territorio, quale criterio strategico-organizzativo generale e identitario dell’istituto;

3) promozione del benessere degli alunni 

4) benessere organizzativo, rivolto al personale dell’istituto e a tutti i soggetti che interagiscono con esso

5) comunicazione interna ed esterna e trasparenza quale criterio strategico-organizzativo

generale e identitario dell’istituto.

INDIRIZZI PER PIANIFICAZIONE CURRICOLARE ED EXTRA-CURRICOLARE

Il PTOF 2019-2022, nella sezione dedicata alla pianificazione curricolare espliciterà:

a) le macrovariabili di contesto (alunni stranieri, dispersione scolastica, povertà educativa, risoorse del territorio, ecc)

b) le opzioni formative, orari, servizi, progetti di ampliamento e arricchimento dell’OF tenendo conto dei bisogni formativi della popolazione scolastica, dei principi di pari opportunità e di prevenzione della violenza di genere e di ogni discriminazione
c) il curricolo d’istituto, Cittadinanza e Costituzione, progettazione di esperienze formative mirate (viaggi di istruzione, partenariati;, iniziative sulla legalità e solidarietà, ecc.

d) i criteri e le modalità valutative;

e) le modalità di attuazione e miglioramento dell’inclusione scolastica (PAI ex CM 8/2013);

f) le attività di continuità-orientamento;

g) le caratteristiche degli ambienti di apprendimento, con particolare attenzione all’impiego delle tecnologie digitali in coerenza con il PNSG;

h) rapporti scuola famiglia: colloqui periodici a carattere generale, incontri illustrativi in coincidenza delle scadenze quadrimestrali, ricevimenti individuali; assemblee di genitori e docenti, comunicazioni scritte sul diario, accesso al registro elettronico, sito web della scuola, evitando l’uso del proprio cellulare. Rapporti con il Consiglio di istituto e con il Comitato genitori di Istituto.

INDIRIZZI E SCELTE DI GESTIONE RELATIVI ALLA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA E ALLA GOVERNANCE D’ISTITUTO

Il PTOF riporterà in modo schematico i tratti salienti dello sviluppo organizzativo dell’istituto. A tale riguardo si forniscono i seguenti indirizzi di tipo organizzativo validi per il triennio di riferimento.

A) ORGANIZZAZIONE DELLE CLASSI e dei PLESSI:

Per ogni plesso si ospiteranno classi con non più di 25 alunni. Il numero dei CS da impegnare nelle attività di vigilanza, pulizia e servizi generali  non potrà essere di numero inferiore a 2 per turno, fatta eccezione per  alcune situazioni specifiche note all'attenzione della D.S.G.A. dott.ssa Ughetto Piampaschetto.

B) ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI SEGRETERIA

L’ufficio di segreteria dell’istituto, nel triennio di riferimento, sarà così  articolato:

I) DSGA, con funzioni compiti relativi a:

gestione, coordinamento e ottimizzazione dei servizi amministrativi e generali;

valorizzazione delle risorse umane afferenti al personale ATA;

cura, manutenzione e sviluppo delle infrastrutture e dei beni scolastici;

rinnovo delle scorte del facile consumo e dei materiali di pulizia;

istruzione e formalizzazione dei documenti contabili-finanziari d’istituto;

incassi, acquisti e pagamenti;

monitoraggio dei flussi finanziari d’istituto e della regolarità contabile;

gestione, coordinamento, manutenzione e aggiornamento della dotazione hard-ware e soft-ware digitale, dei sistemi di protezione e salvataggio e delle relative licenze e della progressiva digitalizzazione dei flussi documentali in entrata, in uscita e circolanti all’interno dell’istituto;

applicazione delle norme in materia di privacy, accessibilità, trasparenza e archiviazione degli atti d’istituto e della pubblicità legale;

adempimenti ex T.U. 81/2008, norme anti fumo e anti corruzione, chiavi di accesso ai locali scolastici, sussidi didattici, ecc.

rapporti con gli uffici amministrativi dell’USR, dell’AT, delle altre scuole e periferici della amministrazione statale e regionale e degli EE.LL.;

cura delle relazioni di carattere amministrativo e logistico interne ed esterne, definizione degli orari e delle modalità di ricevimento del personale di segreteria;

istruzioni al personale ATA in ordine alla sicurezza, accoglienza, cortesia, vigilanza, pulizia e decoro.

C) GLI ORGANI COLLEGIALI D’ISTITUTO

Si allegherà sul PTOF una sintetica mappa degli OO.CC. d’istituto; in tale ambito particolare attenzione dovrà essere rivolta alla costituzione e alle attività del Comitato di valutazione dei docenti, come riformato per effetto del comma 129 della legge.

D) FIGURE DI SISTEMA (vedi Organigramma)

Nella gestione dell’istituto il DS, nel triennio di riferimento, si avvale delle seguenti collaborazioni:

DIRETTI COLLABORATORI DEL DS

primo docente collaboratore scuola secondaria con delega alla funzione vicaria

secondo docente collaboratore per la scuola primaria

STAFF D’ISTITUTO, con funzioni consultive e propositive rispetto alle opzioni strategiche dell’istituto, costituito dal DS, dai docenti collaboratori per la scuola dell’infanzia e primaria e integrato, a seconda degli argomenti da trattare, dai docenti Funzioni Strumentali, dal DSGA, dall’AA operante in settore affine, dal presidente del Consiglio d’istituto o suo delegato, dal presidente del Comitato genitori, esperti esterni etc.

DOCENTI TITOLARI DI FUNZIONE STRUMENTALE EX ART. 33 CCNL

Ferma restando l’autonomia del collegio dei docenti in materia di FS, si ravvisa la necessità di dare copertura ai seguenti ambiti strategici:

a) coordinamento delle attività di inclusione scolastica e sociale;

b) coordinamento della progettazione curricolare, extra-curricolare e valutazione;

coordinamento nell’attuazione dei piani di miglioramento connessi con la sezione n° 5 del RAV ex DPR 80 (priorità/traguardi e obiettivi di processo);

d) continuità/orientamento;

e) sport

f) uso corretto delle tecnologie 

INDIRIZZI E SCELTE DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE

Sulla base delle norme ordinamentali scolastiche, si considera l’organico di istituto comprensivo di docenti di potenziamento nei 3 ordini di scuola.

Viste le esigenze della popolazione scolastica, si è scelto di aderire ad alcuni bandi P.O.N..  

SCELTE DI GESTIONE E AMMINISTRAZIONE RELATIVE AL FABBISOGNO DI INFRASTRUTTURE   E ATTREZZATURE MATERIALI

Il PTOF  dovrà indicare la consistenza dei predetti fabbisogni. A tale riguardo si forniscono le seguenti indicazioni:

revisione dei laboratori informatici nei plessi, manutenzione e potenziamento  con adeguato supporto della ditta di  gestione

potenziamento e manutenzione dei laboratori nei 3 ordini di scuola, acquisto e installazione di LIM.

INDIRIZZI RELATIVI AI PIANI DI MIGLIORAMENTO SEZIONE N° 5 DEL RAV EX ART. 6 DEL DECRETO 80

Il PTOF, nella sezione dedicata ai piani di miglioramento, riporterà le priorità e i relativi traguardi individuati in esito all’area 5.1  , gli obiettivi di processo individuati in esito all’area 5.2  per quanto di rilevanza nel triennio di riferimento.

INDIRIZZI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE

Il PTOF dovrà riportare in modo sintetico le iniziative per il triennio di riferimento.  Visti i corsi formazione a cui hanno partecipato alcuni docenti, vista la mancanza di formazione di altri docenti,  verranno organizzate diverse attività formative in particolare in riferimento alla prevenzione di disturbi specifici dell'apprendimento, legalità, approfondimenti nelle varie discipline, competenza chiave “imparare a imparare”,  l’interazione digitale fra la postazione del docente e i terminali di lavoro degli alunni, informazione e formazione di base in materia di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro.

FORMAZIONE DEL PERSONALE ATA

Durante il triennio di riferimento  il D.S.G.A. organizzerà attività formative tenendo conto delle caratteristiche del personale A.T.A. e delle esigenze di servizio e del P.T.O.F. 

INDIRIZZI RELATIVI ALL’ORGANIZZAZIONE TESTUALE DEL PTOF

Il PTOF è destinato alla comunità professionale d’istituto e all’USR ma è rivolto anche a tutta la nostra comunità scolastica la quale, secondo la mission, è anche comunità educante, dunque legata all’istituto da un rapporto di strettissima e progressiva alleanza di scopo. Dal momento che l’alleanza si sviluppa e si consolida anche attraverso la comunicazione istituzionale, i docenti estensori sono invitati a prestare grande attenzione alla chiarezza, completezza, leggibilità e, conseguentemente, alla effettiva fruibilità (interna ed esterna) del piano. Ferma restando l’autonomia del collegio dei docenti, si manterrà uno stile espressivo in grado di comunicare attenzione, ascolto e disponibilità.

Si descriverà:

LE SCUOLE: classi, attività, orari, strutture, servizi e ogni altra utile informazione sulle attività delle varie sedi/indirizzi: accoglienza, sviluppo di abilità e competenze, opzioni di flessibilità etc);

IL CURRICOLO D’ISTITUTO

PROGETTI PER L’AMPLIAMENTO/ARRICCHIMENTO DELL’OF

PARI OPPORTUNITÀ E PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E DI TUTTE LE DISCRIMINAZIONI

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SUPPORTATI DALLE TECNOLOGIE DIGITALI

INCLUSIONE SCOLASTICA E SOCIALE

LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

CONTINUITA’ E ORIENTAMENTO

I RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA E GOVERNANCE D’ISTITUTO (vedi sito web)

Gli OO.CC. D’ISTITUTO (una breve mappa di consiglio d’istituto, GE, collegio dei docenti, consigli di intersezione/classe, comitato di valutazione dei docenti)

IL DS (breve profilo, ubicazione, orari, tel. mail etc)

LO STAFF

DOCENTI TITOLARI DI FUNZIONE STRUMENTALE (elenco con compiti, breve profilo, ubicazione, orari, tel. mail etc);

I DOCUMENTI FONDAMENTALI D’ISTITUTO (riportare link o richiami a: regolamenti d’istituto, carta dei servizi, contratto integrativo d’istituto, etc)

I SERVIZI DI SEGRETERIA vedi sito web

L’ORGANIGRAMMA DELLA SEGRETERIA (articolazione dei compiti)

COME CONTATTARE L’UFFICIO DI SEGRETERIA (ubicazione, orari, n°tel, mail etc)

 

IL PERSONALE DELLA SCUOLA

PERSONALE DOCENTE (articolato per scuola  dell’infanzia, primaria, secondaria, posti comuni, sostegno e di potenziamento)

IL PERSONALE COLLABORATORE SCOLASTICO

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE E ATA

Il dirigente scolastico

Dott.ssa Silvana ANDRETTA

1 settembre 2018                                

  

                         

AllegatoDimensione
PDF icon ptof_19-22.pdf785.93 KB

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.65 del 20/03/2019 agg.08/04/2019